Visualizzazione di tutti i 7 risultati

MONNALIPA- BIRRA ARTIGIANALE – DOUBLE AMBER IPA

3.50

MONNALIPA

Imperial India Pale Ale

Gli amanti della birra artigianale americana sono grandi fan dell'IPA. La ricerca di più sapore di India pale ale li ha portati alla imperial India pale ale, una versione più forte dell'IPA americana, che vanta un sapore, un aroma e un amaro ancora più luppolati. La birra chiara imperiale dell'India è di colore più scuro dell'IPA americana, sostanzialmente più amara e ricca di alcol in volume. Questa versione tutta americana dell'IPA lascia i fan della birra artigianale con molte nuove creazioni da provare.

Nozioni di base di Imperial India Pale Ale

L'imperial India pale ale è caratterizzata da un alto amaro, sapore e aroma. Il carattere del luppolo è fresco ed evidente dall'utilizzo di qualsiasi varietà di luppolo. La gradazione alcolica è da medio-alta ad alta e particolarmente evidente con un corpo da medio-alto a pieno. Questo stile vuole mostrare il carattere fresco ed evidente del luppolo.

Spin americano sugli IPA

La birra artigianale è cresciuta grazie alla curiosità che i birrai artigianali americani hanno mostrato attraverso il loro ritocco delle classiche ricette di birra. L'amore per il sapore IPA americano che i consumatori di birra artigianale hanno dimostrato ha portato i birrai artigianali americani all'IPA imperiale. Lo stile imperiale della birra IPA si insinua verso alcune delle birre più forti nel contenuto di alcol, ma l'aumento del luppolo dalla ricetta originale della birra IPA conferisce un sapore più amaro e non porta lo stesso sapore di malto del vino d'orzo. Per i fan del sapore originale di India Pale Ale, l'IPA imperiale è la birra artigianale perfetta da esplorare.
 
Aggiungi al carrello

BIRRA ARTIGIANALE BEARBANTE SALENTINA IN FUSTI DA 5 LITRI

42.0048.00
blank

LA BIRRA ARTIGIANALE BEARBANTE SALENTINA

Come nasce?

Nasce da processi produttivi laboriosi e perlopiù manuali.  Si comincia con l’ammostamento, fase in cui si disciolgono gli zuccheri in acqua calda, la cui temperaturadipende dalla Tipologia di birra che si vuole ottenere. Quando ormai tutti gli zuccheri sono disciolti si passa alla filtrazione naturale del mosto facendolo scorrere lentamente tra le trebbie del malto, che trattenendo le eventuali farine ed impurità, rilasciano lentamente un mosto limpido e dolcissimo. Al mosto così ottenuto vengono aggiunti i fiori di diverse varietà di luppolo e portato ad ebollizione. Il processo completo richiede circa una giornata di lavoro. Al termine si procede ad un rapido raffreddamento e all’inoculo dei lieviti selezionati: esseri unicellulari che riescono a trasformare gli zuccheri in alcol, anidride carbonica e particolari esteri e sentori che caratterizzano il prodotto. La Birra Artigianale, si distingue da quelle non artigianali poiché NON E’ PASTORIZZATA, quindi è un prodotto “vivo” grazie al continuo lavoro dei lieviti, NE’ FILTRATA MECCANICAMENTE mantenendo inalterate le proprietà organolettiche e, SENZA CONSERVANTI. Viene prodotta in quantitativi limitati e c’è molta più cura e ricercatezza nella scelta delle materie prime. Una birra non artigianale è pronta per la vendita in pochi giorni, una birra artigianale richiede almeno 45/60 giorni tra fermentazione e rifermentazione naturale in bottiglia; per alcune addirittura, ci vogliono anni di pazienza e lavoro prima di poter essere degustate. Il lavoro e le lunghe attese, sono ripagate dalla piacevolezza e dalla complessità olfattiva-gustativa che il prodotto ci regala. Buona e tanta birra a tutti!!!  
Scegli

IPANEMA – BIRRA ARTIGIANALE – WHITE IPA

3.507.50
La birra IPA, acronimo di India Pale Ale , è uno stile birraio della famiglia delle ALE. Con questo termine si indicano le birre ad alta fermentazione, preparata a temperature tra i 15° e i 25° circa.

STORIA

Le caratteristiche della birra ipa derivano da una necessità storica degli inglesi, che nel periodo del colonialismo, trasportavano la birra fino in India. Dopo i primi spostamenti fallimentari, perchè le birre deperivano a causa del lungo viaggio, della salsedine e delle alte temperature nelle stive delle navi, i mastri birrai decisero di aumentare la stabilità e la capacità conservativa. Nella prima metà dell’ 800 le esportazioni di birra erano molto elevate. infatti, fino a pochi anni fa, si riteneva che, a causa di questo ingente volume di esportazione, il luppolo venisse aggiunto alla birra in modo che fosse in grado di compiere lunghi viaggi mantenendola comunque bevibile una volta arrivata a destinazione. Ricerche moderne condotte da storici come Martyn Cornell tuttavia, hanno dimostrato che la birra IPA veniva prodotta in Inghilterrra con le medesime quantità di luppolo già da prima di questa esplosione delle esportazioni. Indipendentemente da ciò, i tassi di luppolo più alti hanno contribuito a conservare la birra esportata più a lungo proprio grazie all’ effetto preservativo contenuto naturalmente nel luppolo.
NOTE GUSTATIVE La birra IPA ha un colore giallo ambrato e una schiuma compatta mediamente persistente. Il gusto si caratterizza per la buona corposità, amara e con ridotta effervescenza. Emergono note di cacao ed un aroma erbaceo. Equilibrata e pungente. CARATTERISTICHE DELLE IPA
  • Nota marcatamente luppolata
  • tenore alcolico maggiore
  • gusto intenso con aromi erbacei e fruttati
  • corpo di media intensità
  • amarezza dolce e decisa
Tra le birre artigianali Bearbante Salentina, che Tenuta Roca Nuova produce quella che si accosta senza ombra di dubbio allo stile suindicato, quindi IPA India Pale Ale è IPANEMA.
Scegli

IMPERIALE – BIRRA ARTIGIANALE – ROSSA DOUBLE

3.507.50

Lo Stile Strong Belgian Ale Dubbel

Non alcoliche come le Tripel (siamo sui 6-8 gradi), sono birre caratterizzate da sfumature e esteri intriganti, con interessanti aromi speziati. Ramate cariche, tendenti allo scuro, sono caramellate, cioccolatose e beverine. La birra immagine dello stile è senza dubbio la Westmalle Double, ma tra le altre ricordiamo la Chimay Red e La Trappe Double. Tra gli ingredienti troviamo malti Pils, Pale, Monaco e i malti Cara per le note dolci e di caramello. Lo zucchero candito scuro aumenta il colore e il grado alcolico (facendo attenzione a non esagerare, per non sforare nello stile Strong Dark). Il luppolo anche in questo caso è sottile, non predominante e difficilmente aromatico. I lieviti consigliati sono il WY 1214 e il WL WLP500, il ceppo Chimay, che con un’adeguata composizione aromatica del mosto riescono a produrre intriganti note di frutti di bosco, rosa e una piacevole speziatura di chiodi di garofano.
Scegli

SPECIALE – BIRRA ARTIGIANALE – AMBRATA TRIPEL

3.507.50

BELGIAN STRONG ALE

La definizione “stile Belga” è un raggruppamento eterogeneo di birre che spesso si trovano agli antipodi tra loro: troviamo blonde ale leggere e dissetanti, triple imponenti, dark ale calde e avvolgenti, birre di frumento estive e rinfrescanti. Anche le principali linee guida mondiali dettate dal Beer Judge Certification Program (BJCP) sono solite separare le categorie in due macro stili principali: Belgian Ale e Belgian Stong Ale, caratterizzati da densità differenti e percentuali alcoliche anche doppie. 
Le Belgian Strong Ale in particolare sono tra le birre che più si adattano al periodo invernale e natalizio grazie alle caratteristiche di dolcezza, speziatura a volte, calore e complessità che le rendono perfette nelle fredde serate o ad accompagnare i piatti più ricchi.

Tripel

Questo tipo di birra è simile al precedente ma offre un equilibrio maggiore, un profilo aromatico più complesso e una gradevole secchezza. Portabandiera della tipologia è la Westmalle Tripel, con aromi fenolici e speziati che ricordano il chiodo di garofano mescolati a sentori leggeri di frutta ed agrumi. Gli alti livelli di alcool che sprigiona scaldano il palato. Gli ingredienti utilizzati sono comparabili a quelli delle Strong Golden, per cui malto Pils in grande quantità, una parte di saccarosio o glucosio per aumentare la complessità del mosto e, in caso di necessità, una piccola percentuale di malti destrinici per incrementare le quantità di zuccheri non fermentiscibili. L’aroma di luppolo è assente ma il grado di amaro può essere superiore (anche fino a 40 IBU), caratteristica che conferisce al prodotto una bella sensazione di secchezza, aumentandone la beverinità. Anche per queste birre il profilo aromatico è notevolmente influenzato dall’azione del lievito, forniscono tutte le caratteristiche tipiche delle triple, vale a dire esteri, fenoli e speziatura.
Scegli

TROPICALE – BIRRA ARTIGIANALE – GERMAN STYLE ALE – BIONDA

3.50

Kölsch, la Birra di Colonia!

La Storia

La Kölsch è la cosi detta Birra di Colonia, dalla quale prende il nome Köln. E’ una delle pochissime tipologie di Birra Tedesca ad Alta Fermentazione, e quindi più facile da replicare in Italia considerate le temperature dei nostri climi. Lo sviluppo di questa birra è sicuramente un’invenzione del ventunesimo secolo, perchè effettivamente prima del 1980 non si trova riferimento ad alcuno stile che abbia questa denominazione. La fonte primaria di riferimento per questo stile è il trattato del professor Anton Piendl, intitolato Bier Aus Aller Welt, dal quale si possono estrarre ben nove profili di Kölsch. Per molti aspetti le Kölsch sono molto simili alle Alt Bier di Düsseldorf, che andremo ad analizzare più avanti. Ad esempio nella densità iniziale sono uguali, nel tenore alcolico sono molto simili, la differenza più grande si rileva nel colore. Le Kölsch mostrano, infatti, una tonalità più pallida, abbastanza simile alle pilsener. La ragione è da ricercarsi nella “lista dei fermentabili”, che si basa principalmente su malto Pils e può includere anche malto di frumento fino al 20%. Complessivamente l’amaro delle Kölsch non è molto spiccato, grazie proprio alla presenza di frumento che ne attenua il sapore. Un aspetto tipico del gusto di queste birre è la poca presenza di sapore dato dal luppolo. Possiamo riassumere quindi la Kölsch in questo modo: è una birra non molto densa, con un grado di amaro leggero, che va dai 20 ai 30 IBU, caratterizzata da un sapore ed un aroma in cui il luppolo è appena intuibile e dove giocano in prima linea i sentori dei malti. Tenore alcolico moderato, che va da 4,4 a 5 %vol. Da servire rigorosamente nel classico bicchiere cilindrico, che accompagna questo stile. Secca, dissetante che si fa bere a fusti nelle calde giornate d’estate!
Scegli

SENSUALE – BIRRA ARTIGIANALE – SPECIAL BLANCHE

3.507.50
Con il nome di Birra Blanche, o meglio Bière Blanche, si indicano le birre preparate con un tradizionale metodo di birrificazione belga, diffuso anche in Francia e in Olanda.

Birra Blanche, la birra di frumento

La Birra Blanche è una tipica birra di frumento prodotta secondo il più antico stile belga. Rientra di diritto all’interno delle birre di frumento, come ad esempio la Weizen. In nord Europa infatti da secoli la birra si prepara non solo con il malto di orzo, ma anche con quello a base di grano, uno dei prodotti della terra più diffusi in coltivazione in gran parte delle pianure. Le Birre Blanche hanno un carattere distintivo ben preciso, che permette anche al neofita di riconoscerle al primo sorso. La presenza di malto di frumento infatti conferisce alla bevanda un classico retrogusto, leggermente acidulo, che ricorda il succo degli agrumi. Una delle principali caratteristiche di questa birra è il colore, un giallo molto chiaro, a volte quasi bianco. Appena versata la birra blanche produce una bella schiuma corposa e profumata, che rimane compatta a lungo. Tradizionalmente le birre blanche non sono pastorizzate e l’elevata presenza di lievito nelle bottiglie e le proteine solubili del frumento portano ad un liquido non perfettamente lucido, piuttosto torbido e opalescente. Stiamo quindi parlando di una birra ben riconoscibile.

Il sapore di questa tipologia di birra è leggermente acidulo, fresco e speziato, dall’amaro quasi impercettibile, birre adatte a chi non ama la nota peculiare del luppolo.

Le blanche sono birre leggere, di solito non superano i 5 gradi alcolici, molto apprezzate soprattutto durante l'estate, perché particolarmente dissetanti.

ABBINAMENTI CIBO CONSIGLIATI

Proprio per queste sue caratteristiche, di leggerezza e delicatezza, le Blanche sono le birre predilette per il momento dell'aperitivo.

Quindi il modo migliore per accompagnarle è servirle insieme a qualche stuzzichino. Ma possono andare bene anche insieme a qualche piatto leggero e poco elaborato, come carni bianche o pesce. Ma anche fritti, formaggi con composte e miele, o qualche dessert di pasticceria secca.

Scegli